Blog della Tradizione Cattolica Apostolica Romana

sabato 29 giugno 2019

ERODE AGLI UOMINI DEL XX SECOLO: Chiedo la mia riabilitazione



Sono uno dei due personaggi della storia. Mi chiamo Erode. I Romani mi misero sul trono perché ero idumeno. Gli Ebrei mi odiavano profondamente e io odiavo gli Ebrei. Morendo ho procurato l'unica gioia. Mi sono dato l'appellativo di "Grande" e pensavo che sarei stato grande, per merito dei grandi edifici che avevo costruito e dei quali andavo orgoglioso. Come ogni tiranno incapace di costruire la felicità dei suoi sudditi,costruivo almeno grandi edifici di pietra.

Comunque, il mio nome viene ricordato nella storia per l'orrendo crimine che ho commesso contro dei bimbi. Ho fatto uccidere dei bambini a Betlemme e dintorni. "Il Tempo seppellisce e tutto verrà dimenticato", pensavo. Ma dopo nemmeno 2000 anni il mio crimine è stato dimenticato.

Ma è tempo però che io scenda da questo piedistallo e che lo ceda ad altri che lo meritano più di me. Chiedo la riabilitazione da parte della storia. Non chiedo di essere perdonato. Solo Dio potrebbe perdonarmi.

E la storia non perdona.

Una cosa sola chiedo: che il mio nome finisca di esser considerato il simbolo del crimine contro i bambini. Ed ho delle ragioni per chiedere questo. Non nego quanto è accaduto a Betlemme: il pianto di quelle madri è risuonato in tutto il mondo, ma questo è avvenuto 2000 anni fa. A quell'epoca gli uomini erano barbari e i re lo erano doppiamente, perché la loro barbarie si accompagnava al potere. Ero odiato e odiavo. Avevo paura su quel trono, su cui sedevo per grazia di Roma. In ciascuno vedevo un nemico, ovunque sospettavo intrighi e perciò uccidevo. Non sono stato né il primo né l'ultimo, nella storia, a comportarsi così. Assassinavo non solo estranei, ma anche congiunti. Ho ucciso mia moglie e i miei figli. Il mio protettore romano Cesare Augusto, ha osservato giustamente: "E' preferibile essere il porco di Erode che esserne il figlio". Ero un selvaggio. Se fossi vissuto nel vostro secolo, avrei trovato certamente dei medici che mi avrebbero dichiarato pazzo e così sarei assolto dalla mia colpa.

Se, temendo per il mio trono, ho fatto uccidere i miei stessi figli, potevo essere più clemente coi figli degli altri? Ero ignorante: non sapevo nulla dell'umanesimo. Nessuno mi aveva educato al rispetto verso gli altri, tantomeno all'amore. Nessuno mi aveva predicato il Vangelo, messaggio dell'amore. Non conoscevo, io, il Cristianesimo, non sapevo che Gesù fosse Dio e che Dio è amore e che tutti gli uomini, tutti i bambini sono figli di Dio. Nella nostra epoca solo il potente aveva il diritto di vivere. Non ho ucciso da solo, avevo persone addette a questo, artigiani di morte che imparavano a spegnere la vita, non a proteggerla. Erano pagati per questo e di questo vivevano. Non conoscevano la misericordia, non l'avevano mai provata. Alla loro spada non importava chi essi ammazzavano e alla loro anima nemmeno. Anzi, dubito che in loro ci fosse un'anima. Io non cercavo di nascondere i miei crimini, non ne avevo necessità. Comandavo: " Andate e uccidete". A quel tempo non esisteva l'ipocrita terminologia giuridica. Ammazzare era ammazzare. Omicidio era omicidio. Che fate invece voi, uomini e donne del XX secolo? Da venti secoli gli uomini si danno da fare per eliminare la barbarie. Statisti, scienziati, filosofi, artisti, apostoli, profeti, martiri, tutti quanti hanno creato quello che con orgoglio chiamate "Umanesimo". Ma avete ereditato molto di più: avete ereditato i Cristianesimo. Voi sapete che Gesù Cristo è Dio e che Dio è Amore. Voi sapete che tutti gli uomini sono fratelli perché sono figli di Dio. Tutta la vostra vita è compenetrata dalla misericordia e dalla grazia divina, eppure...

Neanche i vostri bambini, i vostri figli innocenti, incapaci di difendersi sono al sicuro davanti al vostro egoismo! Quanti ne uccidete ogni giorno? Oh Betlemme, sei rimasta storia senza significato! Là almeno le madri difendevano la vita dei figli, anche se inutilmente. E in questo secolo, invece? Qui le madri dichiarano davanti a una commissione medica, che le loro creature minacciano la loro libertà e chiedono che vengano condannate a morte.

E poi l'omicidio viene affidato non a dei soldati ignoranti, ma a veri esperti, che hanno studiato ad imparar a proteggere la vita e la cui vocazione a qualcosa di sacro. Hanno formulato un giuramento che li obbliga a proteggere la vita umana sempre e ovunque. Ma alcuni per soldi, altri per paura, accettano il ruolo di assassini. Poi vi chinate pieni di commozione su un fiore, ascoltate il canto degli uccelli e con l'amore rubato ai bambini accarezzate i vostri gatti e i vostri cani! Piangete sulla sorte degli eroi dei romanzi e del cinema. Vi addolora la sorte dei bimbi che muoiono di fame, e li vorreste aiutare. Visitate i musei, andate ai concerti e collaborate poi a questa tragedia umana dell'aborto! E forse guardate commossi il Cristo crocifisso, dopo aver definito il vostro crimine "interruzione". Interruzione di che cosa! Forse non della vita? Sono stato certamente superato dai vostri crimini! Voi che ricordate il mio nome in relazione a Betlemme, dimenticate Erode! Lasciatemi in pace, ero solo un povero improvvisatore! E tu, storia, cerca di dare il giusto nome ai crimini del XX secolo! e se non ti manca il coraggio, fai la nuova lista delle vittime. Voglio esser riabilitato, io voglio lasciare agli altri il mio primato criminale! E quanto a voi, uomini di cultura, umanisti, cristiani, se lamia richiesta di riabilitazione, mi permetto allora che la coscienza che allora non avevo, e la salvezza eterna cui allora non credevo, valgono più del vostro fastidio.
Erode

martedì 25 giugno 2019

RUBRICA SPIRITUALE DEDICATA ALLA SANTISSIMA VERGINE MARIA a cura di Don Davide Pagliarani Superiore Generale della Fraternità San Pio X

Maria e il Santissimo Sacramento


“Ave verum Corpus natum de Maria Virgine” cantiamo con la Chiesa adorando la Santa Ostia. Il Corpo sacra di Cristo che noi riceviamo è stato formato nel seno dell’Immacolata, Corpo del suo corpo, Sangue del suo sangue. Senza il “fiat” della Vergine non vi sarebbe l’Eucarestia. L’azione di grazie dopo la Santa Comunione è dunque anche un’azione di grazie nei confronti di Lei come fonte di questo Santissimo Sacramento.

Maria è la creatura perfetta. Dio ha fatto tutto tramite Lei: tramite Lei ha creato il mondo, tramite Lei si è fatto innanzi tutto e prima di tutto uomo e si è sacrificato sulla Croce. Egli ha istituito la Santa Eucarestia innanzi tutto tramite Lei. Perché ha istituito questo sacramento?

Per amore: per nutrire le anime nella loro fame, per consolarci della Sua presenza durante il nostro esilio, per unirsi completamente e totalmente con noi.

Per amore di Lei, per nutrirla della sua fame di Dio, perché Lei possa nutrire i suoi figli attraverso di Lui. Lei, più di ogni altro essere umano, soffriva di questo esilio ed era consumata dal desiderio dell’Eterno. Ecco perché Egli ha voluto istituire la Sua presenza in questa maniera specialmente per Lei, per essere unito più intimamente a Lei.
Tutte la grazie che Dio ha voluto includere in questo sacramento, Marie le ha ricevute innanzi tutto nelle sue comunioni, e da lì esse sarebbero confluite in altre anime.
Per questo, la sola maniera per ricevere pianamente le grazie della Santa Comunione e i frutti che ne derivano, è quella di unirsi a Lei per ricevere l’Ostia.
La Chiesa conferma questo quando applica a Maria le parole della Saggezza: “Venite, comedite panem meum et bibite vinum quod miscui vobis”, “venite a mangiare il mio pane e a bere il vino che ho preparato per voi”.
Lei ci invita a mangiare il “suo pane”, quello che Lei ci preparato con l’Incarnazione. Questo pane è Gesù, che all’altare, come sulla Croce, è suo Figlio.

Questo significa che Maria è la Mediatrice tra noi e la Santa Ostia. Noi le apparteniamo interamente e Lei è sempre spiritualmente con noi. E’ per questo che quando Cristo nella nostra anima trova innanzi tutto la “Padrona di casa”, poi ci trova anche coperti da un manto protettore, nel suo cuore.
In questo momento, la sua mediazione è di una grande importanza, perché l’Onnipotente compie il Suo più grande atto d’amore, si umilia per prendere la forma dell’Ostia, impegnando la Sua onnipotenza per compiere tutta una serie di miracoli, ciascuno più grande della stessa creazione del mondo intero. Eppure, noi Lo riceviamo con tanta disattenzione, sonnolenza, indifferenza e distrazione! Non dovremmo temere che le nostre dichiarazioni d’amore e di ringraziamento siano indegne di Dio, superficiali e persino insufficienti, spesso pronunciate con una palese mancanza di profondità?

Ma ecco che l’Immacolata entra nel nostro cuore; Lei ama Cristo più che tutte le altre creature. Per la sua unione con lo Spirito Santo, Lei ha il privilegio di amare Cristo con lo stesso amore di Dio! E’ per questo che quando noi Lo riceviamo, possiamo offrirGli innanzi tutto Maria, e così siamo sicuri che il nostro cuore misero Gli diventa gradito per la presenza spirituale in noi della Sua divina Madre.

RUBRICA SPIRITUALE DEDICATA ALLA SANTISSIMA VERGINE MARIA a cura di Don Davide Pagliarani Superiore Generale della Fraternità San Pio X

Il Rosario ci conduce nelle profondità del Mistero della Santissima Trinità

Incoronazione della Santissima Vergine - El Greco
Santuario di Nostra Signora della Carità - Illescas, Spagna


Con i Misteri Gaudiosi noi scopriamo Dio Padre come la fonte di ogni bene, in particolare il più grande di tutti: la nostra salvezza. Egli invia Suo Figlio sulla terra!
Dio Figlio è la rivelazione di Dio al mondo, il Sole spirituale che disperde le tenebre con la Sua Natività, e che nella Sua infanzia, nel Tempio, edifica i dottori della Legge.
Dio Spirito Santo compie il mistero dell’Incarnazione e attraverso le Sue ispirazioni porta la grazia di Dio nel mondo. Egli è presente durante la Visitazione di Maria Vergine e al momento della santificazione di Giovanni Battista nel seno di sua madre Elisabetta, ed è presente al momento della presentazione di Gesù al Tempio, dove illumina e santifica Simeone e la profetessa Anna.

Con i Misteri Dolorosi noi entriamo nella misericordia infinita di Nostro Signore. Nel giardino degli Ulivi noi vediamo un immenso atto di misericordia: nel modo in cui Cristo accetta tutti quegli orrori, e alla fine Egli paga il prezzo terribile e lo distrugge col sacrificio della Sua vita. La flagellazione e l’incoronazione di spine sono la misericordia di Dio in azione: qui e adesso sono distrutte le tenebre a prezzo del Suo Preziosissimo Sangue versato, del Suo Corpo lacerato e della Sua testa trafitta di spine. 
La misericordia di Dio non è uno scherzo: essa ci porta la redenzione, ma a quale prezzo!
E non possiamo forse vedere nel carico della croce e nella morte di Cristo come una speciale partecipazione dello Spirito Santo in quest’opera della misericordia di Dio?
La forza di Cristo che si rialza dopo tre cadute atroci; l’aiuto e la consolazione che Egli accetta da Simone di Cirene e dalla Veronica; la presenza della stessa Madre di Misericordia sulla Via Crucis – dietro tutto questo la Spirito Santo si rivela discretamente, portando l’opera della redenzione al suo fine ultimo e alla sua interezza.
Infine, sul Calvario sono presenti tutte le Persone divine: il Padre che sacrifica ciò che Egli possiede, Suo Figlio!; il Figlio che ama «fino alla fine» attraverso tutte le sofferenze inimmaginabili; lo Spirito Santo che alberga nel Cuore Immacolato di Maria, presente ai piedi della Croce, come fiamma dell’amore eterno di Dio nel suo cuore ardente e brillante della sua compassione e della sua tristezza infinita.

Con i Misteri Gloriosi, l’amore infinito appare nel trionfo e nell’eterna efficacia dell’intera opera della Salvezza. Noi assistiamo alla rivelazione finale ed eterna della gloria di Dio, della Sua santità e della Sua maestà: innanzi tutto col trionfo dell’amore di Dio nel miracolo della Resurrezione. L’Ascensione è il ritorno trionfale di Cristo in Paradiso, accompagnato dai membri del Suo Corpo Mistico. 
E il mistero centrale è l’invio dello Spirito Santo: il fuoco dell’amore di Dio. In Paradiso tutti i desiderii saranno realizzati nella pace e nella gioia eterna. 
E i due ultimi misteri gloriosi ci mostrano la gioia nella sua più perfetta realizzazione: quando attraverso l’Immacolata tutta la creazione comincia il suo ritorno a Dio. L’incoronazione di Maria è: sia la definitiva rivelazione di tutto l’amore di Dio, che la colma di Lui più che tutti i santi e gli angeli del Paradiso; sia l’ultima vittoria e il compimento dell’ordine creato, quando «Dio sarà tutto in tutti».

sabato 15 giugno 2019

La Chiesa sta vivendo un momento di grave confusione dottrinale.-L’immagine di una Chiesa divisa è sotto gli occhi di tutti.

Risultati immagini per la crisi della chiesa divisa


II romano Pontefice è il successore di san Pietro nella sede di Roma e nel primato, ossia nell'apostolato ed episcopato universale; quindi il capo visibile, Vicario di Gesù Cristo capo invisibile, di tutta la Chiesa.Il Papa e i Vescovi uniti con lui costituiscono la Chiesa docente, chiamata così perchè ha da Gesù Cristo la missione d'insegnare le verità e le leggi divine a tutti gli uomini, i quali solo da lei ne ricevono la piena e sicura cognizione che è necessaria per vivere cristianamente.


La Chiesa sta vivendo un momento di grave confusione dottrinale e pastorale. Il problema nasce anche dalla incomprensibile scelta di non fare chiarezza sia ai vescovi che alla moltitudine dei fedeli, che con dottrine ambigue mette in difficoltà soprattutto i fedeli e i sacerdoti, una situazione che fa scivolare anche nel relativismo. L’immagine di una Chiesa divisa è sotto gli occhi di tutti. E quella parola magica – misericordia – è servita spesso per coprire epurazioni e rimozioni, emarginazioni e censure. Basti pensare alla sorte toccata al cardinale americano Burke uomo di retta dottrina, o alle difficoltà del prefetto per il culto, l’africano Sarah, inviso e sconfessato perché colpevole a suo dire di difendere la liturgia da ogni tentazione di “protestantizzare” la Messa, di stravolgere e annacquare il senso dell’Eucarestia.E’ come se si cercasse l’applauso del mondo. E’ come se la priorità fosse piacere alla gente che piace… Il cardinale Müller, già prefetto della Dottrina della fede dimissionato da papa Bergoglio, in una intervista ha lamentato proprio l’eccessiva frequentazione/confidenza con esponenti del pensiero laicista/libertino. Il riferimento a Eugenio Scalfari era evidente, con l’aggravante che il fondatore di “Repubblica” spesso ha attribuito al papa, tra virgolette, concetti e pensieri a dir poco sconcertanti su Verità e Dio “non cattolico”, sul diritto alla comunione per i divorziati e su altro ancora.Beh, questo è una delle cose più stridenti. E’ come se, a porsi fuori dalla Chiesa fossero quanti difendono e riaffermano tradizione e magistero; e non chi si avventura su sentieri ambigui e pericolosi. Come l’esaltazione della psicoanalisi freudiana, che ribalta l’idea cristiana del Creato; come la riabilitazione di Lutero “più cattolico di molti cattolici”; come la legittimazione dell’omosessualità, chiedendo al massimo ai gay di essere monogami fedeli.Misericordia è la parola magica del pontificato di Bergoglio. Si può dire che dietro questa parola c’è la rinuncia a denunciare l’errore, a contrastare l’egemonia del relativismo gnostico .

E’ una parola “passepartout”, che ha ispirato molte iniziative dell’attuale pontefice e che, nelle intenzioni, dovrebbe motivare/giustificare ogni apertura al dialogo con mondi distinti e distanti dal cattolicesimo. Il problema è anche la rinuncia, "magari solo apparente", al ruolo missionario della Chiesa. Si dialoga con l’altro ma senza l’ambizione o la speranza di convertirlo. La misericordia diventa una forma di aiuto, di soccorso a chi ha più bisogno, come la Caritas o la Croce rossa. Madre Teresa di Calcutta definiva “la più grande disgrazia”, più della povertà e della malattia, la constatazione che “una gran parte del popolo indiano non conosca Gesù”. Qui in Europa oggi quanti conoscono Gesù? In questi giorni i vescovi interpellati si chiamano fuori dalle"preghiere di riparazione",per il Gay pride .A pochi giorni dalla parata del Gay pride, prevista sabato a Genova,come a Vicenza, ed altre città d'Italia, la Curia annulla le preghiere riparatorie . 
«Siamo spiacenti di dover avvisare che la curia arcivescovile di Genova ha chiesto ai sacerdoti responsabili delle chiese sotto indicate di annullare i momenti di preghiera di riparazione pubblici già programmati. Invitiamo pertanto i fedeli interessati alla riparazione di pregare altrove, in comunione spirituale», si legge sulla pagina Santo Rosario per l'Italia. Poche parole con cui la Curia annuncia che nelle tre chiese genovesi i cui sacerdoti avevano aperto le porte alle "preghiere riparatorie" le porte invece resteranno chiuse.In sostanza, devo dire che l’immagine mediatica che l'episcopato italiano da di se è al quanto  sconcertante. La Preghiera di Riparazione è un atto di culto e non una manifestazione politica, ed è anche la partecipazione "all’atto espiatore di Cristo da parte dei cristiani, i quali, mentre si uniscono al suo sacrificio redentore, chiedono anzitutto il perdono per le proprie colpe e poi per quelle degli altri, specialmente di coloro che la redenzione la rifiutano o la combattono" non si "può rimanere inermi e silenti davanti allo scandalo pubblico del Gay Pride", un "pervertimento delle leggi dell’Ordine che Dio ha stabilito nella creazione", dal quale"discendono tutti i mali della nostra società". L'attuale chiesa cattolica di cui papa Francesco in quanto vescovo di Roma e successore di san Pietro, " è il perpetuo e visibile principio e fondamento dell'unità sia dei vescovi sia della moltitudine dei fedeli" "Infatti il romano Pontefice, in virtù del suo ufficio di vicario di Cristo e di pastore di tutta la Chiesa, ha il dovere di levare la sua voce per ricondurre all'ovile della  Chiesa i suoi fedeli che sono caduti nelle lusinghe di un mondo ormai traviato visto che ha la potestà piena, suprema e universale, che può sempre esercitare liberamente".Ma quanto pare le cose non stanno così. In sostanza, devo dire che l’immagine mediatica che papa Bergoglio   ha beneficiato negli ultimi cinque anni[come buono e misericordioso] è una delle più stupefacenti truffe della vita contemporanea. L’abisso tra quell’immagine e la realtà [doppiezza.] e non ci si dovrebbe meravigliare che qualcuno alla fine riveli la verità. 




domenica 9 giugno 2019

Lo Spirito Santo è in noi per mezzo di Maria-di don Davide Pagliarani Superiore Generale della Fraternità San Pio X

RUBRICA SPIRITUALE DEDICATA ALLA 
SANTISSIMA VERGINE MARIA 

Con la Cresima noi riceviamo la pienezza dei doni dello Spirito Santo, e Lui stesso colmerà le nostre anime e accenderà in noi il fuoco del Suo Amore, facendoci partecipi dell’amore con cui Dio ama Sé stesso nel mistero della Santissima Trinità.
Secondo San Grignion de Montfort (Trattato della vera devozione a Maria, n. 20), lo Spirito Santo divenne fecondo in Maria e produsse i Suoi capolavori unicamente in Lei e per mezzo di Lei: la santa umanità di Nostro Signore, la santificazione delle anime.
A Pentecoste, Lei si trovava in mezzo agli Apostoli e, secondo un’antica tradizione, i doni dello Spirito Santo sono stati dati loro attraverso di Lei.
La nostra Pentecoste è la ricezione del sacramento della Cresima, e i doni dello Spirito Santo – come tutte le altre grazie – ci sono dati attraverso di Lei.

La ragione profonda di questa azione dello Spirito Santo in Maria e per mezzo di Maria, si trova nella relazione che Lui ha con Lei. I Padri della Chiesa la chiamano sacrarium SpiritusSancti, ricettacolo dello Spirito Santo; a partire dal Medioevo, Ella è comunemente invocata come Sposa dello Spirito Santo.
Lo Spirito Santo è il dono del Padre e del Figlio. San Tommaso spiega che Dio vuole donarsi più che può ad una creatura. Questo dono è lo Spirito Santo.

Tuttavia, da dopo il peccato originale, l’ostacolo sta nel recipiendario, che è più o meno ostruito dai peccati attuali e dalle ferite del peccato originale. Una sola volta il donum DeiAltissimi, il dono di Dio Altissimo, è stato ricevuto interamente, senza che trovasse il minimo ostacolo, la minima esitazione: il recipiendario era puro, immacolato.
In altre parole, lo Spirito Santo può fondersi con l’anima dell’Immacolata e trasformarla interamente in maniera tale che Ella si dà interamente alla Sua volontà e alle Sue ispirazioni. 

Dunque, tutti i pensieri di Lei, le sue parole, le sue azioni sono in qualche modo meno i suoi proprii e più i pensieri, le parole, le azioni dello Spirito Santo. Ella non penserà mai altro che ciò che le fa pensare lo Spirito Santo, Ella formulerà solo le parole di Dio. Ella è in qualche modo la presenza visibile dello Spirito Santo nel mondo, il Suo santuario, il Suo tabernacolo, la Sua Sposa.
La grandezza dell’Immacolata consiste nel fatto che questa persona umana, figlia di Sant’Anna e di San Gioacchino, è fin dalla sua umana concezione così intimamente legata allo Spirito Santo che Ella più che se stessa è la presenza dello Spirito Santo nel mondo.

In conclusione: dov’è Maria, là è lo Spirito Santo. Sulla terra, lo Spirito Santo è là dove si trova Maria. Dunque, nella misura in cui noi siamo consacrati all’Immacolata, lo Spirito Santo ci invaderà con i Suoi doni e farà fiorire il carattere inestinguibile della Cresima.

sabato 8 giugno 2019

Si può amare troppo la Vergine Maria? Di don Davide Pagliarani Superiore Generale Fraternità San Pio X

AVE MARIA




Si può amare troppo la Vergine Maria? Rispondere a questa domanda significa porsene subito un’altra: chi è la Vergine Maria?

Quand’Ella si è presentata a noi, ci ha detto il suo nome: Ella è l’Immacolata. Ma non è questo quello che è primariamente. Ella non è prima di tutto neanche la sposa di San Giuseppe o la figlia di Anna e Gioacchino. Né la Regina del Cielo o la Vergine delle vergini o la Porta del Cielo… Ella è tutto questo, ma è soprattutto e principalmente la Madre di Dio, la Madre di Gesù Cristo che è Dio. In questo titolo di gloria sono contenuti tutti gli altri privilegi e tutti gli altri nomi.

Allora, ritorniamo alla domanda: si può amare troppo la Madre di Dio?

Per farci un’idea dell’amore che conviene portarle, guardiamo alla benevolenza che le porta Dio stesso: all’inizio dei secoli Egli pensava già di dotarla di tutte le qualità della natura e della grazia… e quando arrivò il momento di darle l’esistenza, Egli ne fece il capolavoro della Sua creazione! Sapendo che Ella sarebbe stata Sua Madre, Egli la coprì meravigliosamente dei Suoi doni più preziosi, al punto da esaurire, se fosse possibile, le risorse della Sua onnipotenza. Nessuna creatura è stata maggiormente oggetto della predilezione divina.

Poi venne al mondo Gesù Cristo, attraverso Maria, ed Egli si dimostrò il più amorevole dei figli: la Sua affezione umana non fu inferiore dell’amore che Egli aveva per Lei da tutta l’eternità.

Morendo sulla Croce, Egli offrì Sua Madre agli uomini. E dicendo al Suo Apostolo: “Ecco tua madre», è come se gli avesse detto: «Ama Mia Madre! Amala come io l’ho amata».

Noi non ameremo mai la Vergine Maria tanto quanto l’ha amata il suo divino Figlio: Madre di Dio e Madre delle nostre anime, noi le dobbiamo dunque un amore sempre ardente, sempre più filiale, e mai potremo dire che l’abbiamo amata troppo.

Amarla è imitarla… E amare fedelmente nostra Madre è imitarla ardentemente. E anche qui: suoi figli che noi siamo, possiamo assomigliarle troppo?

Questo primo sabato del mese ci trova più impegnati a chiedere la sua potente assistenza: «Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi poveri peccatori e insegnaci a onorarti dell’amore più filiale».


RUBRICA SPIRITUALE DEDICATA ALLA SANTISSIMA VERGINE MARIA a cura di don Davide Pagliarani Superiore Generale Fraternità San Pio X Maria Regina

AVE MARIA


Seguendo il Papa Pio XII, si può affermare che Maria esercita la sua regalità con suo Figlio e in subordinazione a suo Figlio, e che la sua regalità ha la stessa estensione di quella di suo Figlio.

La volontà della nostra Regina sarà sempre in perfetto accordo con quella del Re; tuttavia, Maria avrà le sue iniziative materne, come in una famiglia ben ordinata la madre mantiene le sue iniziative nell’educazione dei figli, agendo in perfetto accordo con le intenzioni del padre.

Quanto ai mezzi con cui Maria esercita la sua regalità, c’è innanzi tutto l’intercessione per ottenere perdono, coraggio e lume per i suoi soggetti. Ma tale intercessione non sarà come quella delle regine terrene, che intervengono presso il re per mutare una decisione che egli ha preso o sta per prendere, essa sarà piuttosto per ottenere una più perfetta esecuzione delle intenzioni di suo Figlio. In più, essa sarà una intercessione sempre efficace e universale.

Quanto agli atti particolari che comporta l’esercizio della regalità di Maria, essi sono gli stessi di quelli della regalità di Gesù, poiché il suo governo è tutt’uno con quello di suo Figlio.

Cristo possiede il potere legislativo. Maria non apporta nuove leggi, ma con la sua autorità coopera, per così dire, con l’autorità di suo Figlio, dicendo a tutti, come fece a Cana: «Fate tutto quello che vi dirà».

Cristo possiede il potere esecutivo. E soprattutto in questo Maria vi è associata. Soavemente e fortemente, Ella conduce le anime a sottomettersi a tutte le prescrizioni di suo Figlio, soprattutto alle più difficili per la nostra natura, come quelle relative alla purezza e al perdono delle ingiurie.

Cristo possiede il potere giudiziario. Maria non giudica, ma interviene spesso per «fermare il braccio di suo Figlio pronto a colpire», o per addolcire il rigore del castigo.

Regnare è lottare per estendere il proprio dominio su tutti coloro che, per legge, devono essere soggetti all’autorità del sovrano, anche se, di fatto, essi vi si siano sottratti o non ancora vi siano sottoposti. Ora, la regalità di Cristo è lungi dall’essere riconosciuta dappertutto. In questo lavoro di conquista, Maria ha un ruolo essenziale: come un tempo i pastori e i Magi, così gli eretici e gli idolatri troveranno Gesù presso Maria, Sua Madre.
Bisogna che Maria regni perché arrivi il Regno di Cristo. Affrettare la venuta del regno di Maria significa accelerare la venuta del Regno di Cristo.

venerdì 7 giugno 2019

Intervista di Don Davide Pagliarani Superiore Generale della Fraternità San Pio X concessa in USA ad Angelus Press


Don Davide Pagliarani ha visitato gli Stati Uniti per la prima volta da quando è diventato Superiore Generale della Fraternità San Pio X. Sebbene avesse programmato solo le visite canoniche per la riunione dei Priori a Winona e altri incontri al Seminario San Tommaso d’Aquino - Angelus Press ha potuto fargli alcune domande per la sua prima intervista in lingua inglese.

pubblicata sul sito Informazioni della Fraternità San Pio X

Lei è relativamente sconosciuto nel mondo anglofono, al di là della sua recente elezione a Superiore Generale. Può presentarsi?


In realtà, penso che questo non sia solo un problema dei paesi anglofoni. Per fare un esempio, qualche settimana fa a Parigi, un sacerdote mi ha chiesto come mi chiamo. Così è sempre un po’ imbarazzante dire che sono il nuovo Superiore Generale - ero un po’ imbarazzato, ma anche lui era imbarazzato. Sì, in effetti ho trascorso la maggior parte del mio tempo come sacerdote in Italia, poi in Estremo Oriente a Singapore per tre anni e ultimamente nell’estremo sud dell’Argentina per quasi sette anni - fino allo scorso luglio.

Lei è il quarto Superiore Generale della Fraternità San Pio X. Quali sono le sfide e le opportunità per la Tradizione nel 2019?


Penso che la nostra opportunità e anche il nostro compito, il nostro dovere, sia di conservare il tesoro che abbiamo, di apprezzarlo come merita - la nostra Fede, la Santa Messa. Penso che sia importante che questo tesoro sia per noi un tesoro vivo, come l’acqua viva della donna samaritana. Questo è importante. Io penso che abbiamo bisogno sempre più di apprezzare questo tesoro con una vita di preghiera e piena di fervore – di fervore spirituale. Sì. Forse una volta ogni tanto abbiamo bisogno di riaccendere questo fervore, e quest’anno può essere l’occasione per farlo - ci stiamo preparando per il Giubileo della Fraternità - per riaccendere nella nostra vita spirituale questo profondo attaccamento a questo tesoro.

Sono passati appena sei mesi dalla sua elezione. Ha viaggiato molto?


In realtà non sto viaggiando molto perché è desiderio del Capitolo, di tutti i Superiori, che il Superiore Generale rimanga il più possibile nella Casa Generalizia per essere sempre disponibile per le diverse esigenze della Fraternità – perché possa essere raggiunto dai diversi sacerdoti o Superiori che desiderano parlare con lui. Il mio dovere è un dovere di fedeltà allo spirito del Fondatore – Mons. Lefebvre. Il mio primo dovere è quello di fare del mio meglio per mantenere (anche se la situazione è molto diversa) lo spirito e l’insegnamento che il fondatore ha affidato alla Fraternità.

Ci sono segni di crescita che può farci conoscere? Per esempio: nuovi priorati o missioni della Fraternità?


In questo momento ci sono ovunque segni di crescita, non solo negli Stati Uniti, ma ovunque! Il che è per un verso un segno di benedizione, siamo benedetti tramite questo. Negli ultimi anni sempre più cattolici che si rendono conto della crisi della Chiesa, e a poco a poco a poco si rendono conto anche delle sue cause. Questo è un punto abbastanza interessante per noi - dobbiamo prestargli attenzione. Dobbiamo aiutare questi fedeli. Ma allo stesso tempo non possiamo essere dappertutto, non possiamo andare dappertutto. Dobbiamo prenderci cura dei nostri sacerdoti. E abbiamo ancora delle vocazioni, ma i nostri sacerdoti hanno bisogno di tempo per stabilizzarsi, hanno bisogno di tempo per condividere la vita comunitaria, che è un aspetto molto importante dei nostri statuti e dei nostri doveri. Faremo del nostro meglio per andare dove la Provvidenza ci chiama, ma allo stesso tempo non possiamo dimenticare che per prima cosa dobbiamo prenderci cura dei nostri sacerdoti.

Come ex Rettore di Seminario, può parlarci dell’importanza dei seminari e delle vocazioni, specialmente nel mondo moderno?


I nostri seminari sono il cuore della Fraternità. La Società è costruita sui suoi seminari, ed esiste grazie ai suoi seminari. Anche la Chiesa non ha bisogno di nient’altro che di santi sacerdoti. E’ Impossibile trovare un modo migliore per servire la Chiesa. Per mezzo dei nostri seminari cooperiamo al raggiungimento dello scopo della Chiesa universale. Questa è stata la grande intuizione del Concilio di Trento, la grande intuizione di Mons. Lefebvre. E più vediamo che questo grande ideale del sacerdozio sta venendo meno, si sta perdendo, più io penso che sia importante la nostra fedeltà a questo compito - che è anche la nostra missione..

Quali sono secondo Lei le principali preoccupazioni delle famiglie cattoliche tradizionali di oggi?


La preoccupazione principale, la preoccupazione principale della famiglia cattolica oggi è la stessa che abbiamo come sacerdoti – l’anima dei loro figli. Il mondo sta facendo del suo meglio per ingannarli. Così tutti i genitori sono preoccupati per questo, e anche noi siamo preoccupati per questo. Penso che dobbiamo insegnare ai bambini insieme ai genitori. E i genitori devono insegnare ai loro figli insieme ai sacerdoti. Insegnare loro tutte le virtù che i bambini non possono imparare altrove: abnegazione, purezza, castità, carità. Ma questo funzionerà se nelle famiglie, a casa, in parrocchia, riceveranno non solo l’insegnamento, ma percepiranno che i loro genitori e i loro sacerdoti vivono ciò che predicano. Funziona come per l’osmosi - se davvero i genitori hanno questo grande ideale da perseguire, preparare i santi, con la grazia di Dio la cosa funzionerà. Ma funzionerà se a casa i bambini potranno cogliere nei loro genitori lo spirito di sacrificio - che è il profumo della croce.

Può commentare le notizie riguardanti la Pontificia Commissione Ecclesia Dei?


Penso che finora non possiamo esprimere molti commenti. Non sarebbe prudente. Tuttavia, penso che c’è qualcosa di interessante nell’ultimo Motu Proprio riguardante l’Ecclesia Dei.... Esso ha sottolineato che le questioni principali che è ancora lì, in sospeso, come in sospeso è la questione dottrinale. E questo è vero. E questo accordo dottrinale, questa questione dottrinale, è quello che interessa la Fraternità San Pio X. Penso che in questo senso, in questa prospettiva, le cose stanno diventando più chiare, più chiare a noi, a loro e a tutti. Ma penso che non sia nostro compito guardare per prima cosa a quello che sarà il futuro delle diverse comunità Ecclesia Dei. Noi preghiamo per loro. Se possiamo aiutarli, siamo qui. Ma penso che non sia prudente dire altro sul futuro. Vedremo. Osserveremo. E come al solito lasceremo l’ultima parola alla Divina Provvidenza.

A volte, il mondo e la Chiesa sembrano entrambi impazziti. Può esprimere qualche parola di speranza e di incoraggiamento per i cattolici tradizionali di oggi?


Il pericolo principale per i nostri fedeli e anche per i sacerdoti di oggi è cadere nello scoraggiamento. Io penso che sia giunto il momento di ricordarci, e di ricordare loro, che più si ha l’impressione che la situazione sia senza speranza, più si avvicina il momento della vittoria. San Pio X lo diceva sempre per incoraggiare le persone. E la densità, la densità attuale dell’oscurità è funzionale allo splendore della verità quando verrà il momento del trionfo della verità. E’ importante per noi mantenere questa visione soprannaturale. Qualsiasi cosa stia succedendo oggi sarà usata da Dio per mostrare un trionfo più profondo, più grande, più luminoso, più soprannaturale della Sua Chiesa e della Verità.

Oltre al sostegno della preghiera e a quello economico, quale ritiene che sia il modo migliore per i fedeli laici di aiutare i sacerdoti nel loro lavoro?


La Chiesa è una famiglia, è una grande famiglia e la Fraternità in quanto opera della Chiesa è anch’essa una famiglia - una grande famiglia. E all’interno di una famiglia si condivide tutto. Il modo migliore per i fedeli di condividere tutto con i sacerdoti, è dare loro il loro sostegno morale, condividere le loro gioie e le loro preoccupazioni, perché le gioie e le preoccupazioni del sacerdote sono le gioie e le preoccupazioni di Nostro Signore. Questa vicinanza è il modo migliore per realizzare il grande ideale di unione tra fedeli e sacerdoti.

Qual è la sua impressione sul Distretto degli Stati Uniti, finora?


Stati Uniti sono uno di quei paesi che non appena vi si giunge ci si sente a casa. Ciò che mi colpisce di più è il numero dei fedeli, ma ancor più la loro semplicità e la loro generosità. E la stessa semplicità e generosità la trovo nei sacerdoti negli Stati Uniti. Penso che ciò che i fedeli mostrano è il riflesso di ciò che i sacerdoti stanno insegnando loro.

Lei ha trascorso molti anni in diversi paesi e missioni. Ha una o due storie preferite vissute durante il suo lavoro apostolico?


Ciò che in generale mi ha colpito di più durante il mio sacerdozio, negli anni del mio sacerdozio, è proprio il fatto di aver lavorato in paesi diversi, in situazioni molto diverse - tra Asia, Sud America, Italia, nelle missioni, o come Superiore di Distretto, Rettore di Seminario… in ogni situazione diversa la grazia di Dio lavora sempre e ovunque secondo alcune regole, che sono universali. Certo che lo si sappia - non vi sto dicendo nulla di nuovo. Ma quando si vive questa esperienza personalmente si rimane impressionati. Questa è la prova che il Vangelo, la legge del Vangelo, i Sacramenti, la Chiesa sono per tutti e non c’è nient’altro che possa realizzare l’unità tra persone così diverse tra loro. Questo è davvero sorprendente. Non si può spiegare questo su base naturale. Dietro a tutto questo c’è l’opera di Dio, la grazia di Dio.
L’ho sperimentato più volte personalmente… Di fronte ad una situazione difficile, mentre cercavo di trovare una soluzione, lottavo per trovare una soluzione che non arrivava, ecco che la soluzione è arrivata dopo che ho smesso di preoccuparmi e ho affidato tutto alla Volontà di Dio. Non è sempre facile farlo, ma io l’ho sperimentato più volte – è questa la legge della Croce, e direi la legge della piena fiducia in Dio.

RUBRICA SPIRITUALE DEDICATA ALLA SANTISSIMA VERGINE MARIA a cura di don Davide Pagliarani Superiore Generale Fraternità San Pio X

AVE MARIA

Eva e Maria

San Paolo, esponendo il piano di Dio per il nostro riscatto, spiega come la disobbedienza del primo Adamo ci ha perduti tutti, e come l’obbedienza al nuovo Adamo ci salva tutti (Rm. V, 12-21). Ma a fianco del primo Adamo c’era Eva, che fu l’istigatrice del peccato di suo marito. Al fianco del nuovo Adamo, non doveva esserci una nuova Eva, per svolgere un ruolo analogo per la nostra salvezza?

In effetti, già San Giustino, a metà del II secolo, oppose alla Eva incredula e ribelle, che genera la disobbedienza e la morte, Maria, credente e obbediente, Madre di Colui che libera dalla morte e dal peccato.
Verso la fine di questo stesso secolo, Sant’Ireneo analizza l’azione di Maria nella nostra salvezza, e la descrive con una forza che non è mai stata superata: «Come Eva fu, per la sua disubbidienza, causa di morte per lei stessa e per tutto il genere umano, così Maria fu, per la sua obbedienza, causa di salvezza per lei stessa e per tutto il genere umano […] Ciò che Eva aveva legato con la sua incredulità, la Vergine Maria l’ha sciolto con la sua fede […] Come il genere umano fu votato alla morte da una vergine, così è stato salvato da una Vergine» (Contro le eresie, III, 22, 4).

Questo parallelo tra Eva e Maria è stato ripreso dai principali Padri della Chiesa. «La morte causata da Eva, la vita da Maria», scrive San Gerolamo. E Sant’Agostino spiega: «E’ da una donna che è stato somministrato il veleno all’uomo; ed è da una donna che gli è stato offerta la salvezza». L’antitesi Eva-Maria divenne popolare. Essa si trova espressa con un giuoco di parole in una preghiera ben nota, risalente ad almeno il IX secolo: Ave maris stella:

Sumens illud ave

Gabrielis ore

funda nos in pace

mutans Evae nomen.

Maria cambia il nome di Eva in Ave.

Ecco il primo passo di una lunga epopea teologica, spirituale e mistica, che ha come scopo il mettere in luce il ruolo di Maria nell’opera della nostra Redenzione.

Papa Pio XII ricorda questo ruolo nella sua enciclica Mystici Corporis Christi: 
«Ella fu che, immune da ogni macchia, sia personale sia ereditaria, e sempre strettissimamente unita col Figlio suo, Lo offrì all’eterno Padre sul Golgota, facendo olocausto di ogni diritto materno e del suo materno amore, come novella Eva, per tutti i figli di Adamo contaminati dalla miseranda prevaricazione del progenitore. Per tal modo, Colei che quanto al corpo era la madre del nostro Capo, poté divenire, quanto allo spirito, madre di tutte le sue membra…»

giovedì 6 giugno 2019

Nuova rubrica spirituale Don Davide Pagliarani Superiore Generale della Fraternità San Pio X 13 maggio 2019



AVE MARIA
pubblicata sul sito Informazioni della Fraternità San Pio X


La Santissima Vergine Maria è oggi introdotta solennemente in una parte del suo dominio: l’apostolato della Fraternità San Pio X nel mondo dematerializzato di Internet.

Che il suo Cuore Immacolato ci insegni ad allontanarci da tutto ciò che è grossolanamente materiale, per avvicinarci agli Angeli, questi puri spiriti che la venerano come loro Regina.


Cari membri della Fraternità, cari lettori,

E’ con gioia che inauguriamo una nuova rubrica spirituale che sarà dedicata in modo particolare alla Santa Vergine. Lo facciamo questo 13 maggio, giorno anniversario della prima apparizione della Madonna a Fatima, e in quest’anno in cui celebriamo il 35° anniversario della consacrazione della Fraternità San Pio X al Cuore Doloroso e Immacolato di Maria, che Mons. Marcel Lefebvre fece a Ecône l’8 dicembre 1984.
Questa duplice evocazione non deve rimanere, tuttavia, un pio ricordo un po’ sentimentale, certo gradito ma senza effetto nella nostra vita spirituale.

La ragion d’essere di questa nuova rubrica è di risvegliare le nostre anime, di ravvivare il nostro fervore e di conservare viva nel nostro spirito la totale dipendenza della Fraternità San Pio X dalla Madonna.


Io vorrei incoraggiarvi a leggere e a meditare questa consacrazione. Le parole pronunciate dal nostro fondatore vedevano giusto e rimangono ancora di una scottante attualità: gli errori che vi sono denunciati non sono certo spariti. Al contrario, essi si sono sviluppati e moltiplicati come le cellule di un cancro; essi hanno guadagnato terreno e sembrano aver invaso tutto lo spazio. La mia intenzione non è di fare constatazioni negative e scoraggianti, come se non fosse servito a niente ciò che è stato fatto. No. La battaglia continua fino a che non è vinta; la lotta per scacciare la malattia prosegue finché c’è vita. E noi ci batteremo come è necessario, con le stesse armi: il ricorso alla Vergine Maria, e specialmente al suo Cuore Immacolato, rifugio dei peccatori e dei combattenti.

RUBRICA SPIRITUALE DEDICATA ALLA SANTISSIMA VERGINE MARIA a cura don Davide Pagliarani Superiore Generale della Fraternità San Pio X

AVE MARIA
Risultati immagini per don davide pagliarani
Maria e il sacerdozio
La più grande gloria che si possa rendere a Dio è lo stesso Sacrificio di Nostro Signore sulla Croce, rinnovato tutti i giorni sugli altari. Con esso, solamente per Cristo, con Cristo e in Cristo sono resi ogni onore e gloria alla Santissima Trinità.
Del pari, vi è solo una possibilità per riscattare le anime e rendere loro la vita di Dio, ed è per mezzo del Sangue di Nostro Signore che arriva alle anime per i canali dei sacramenti, per liberarle dalla prigione del peccato originale, per lavarle di ogni sporcizia, per purificarle e guarirle dalla loro lebbra spirituale, per colmarle di luce e di tutte le ricchezze divine.

Secondo la volontà di Nostro Signore Gesù Cristo: chi è il solo in grado di completare sulla terra l’opera della Redenzione, di continuare a dare a Dio ogni gloria e di versare il Sangue di Cristo nelle anime? Il sacerdote. Di conseguenza, quello che più preoccupa il Cuore Immacolato della Vergine, desiderosa di salvare i suoi poveri figli perduti, è il sacerdozio.
Il desiderio più profondo della nostra Regina è di dare a suo Figlio dei continuatori della Sua opera di salvezza, affinché per mezzo di questi strumenti intimamente uniti a suo Figlio dal carattere sacerdotale, arda dovunque sulla terra la fiamma del Suo Sacro Cuore: la Via, la Verità e la Vita. Perché è soprattutto per mezzo loro che Ella può compiere la sua missione di dare Gesù al mondo, di santificare le anime e trasformarle in altri Cristi. Senza questi strumenti, le anime per cui Ella ha tanto pregato, ha tanto sofferto, e ha sacrificato suo Figlio, queste anime, sue figlie amatissime, rischierebbero di essere eternamente separate dalla loro Madre, eternamente dannate.

E’ per questo che Ella può esercitare il suo ufficio di Mediatrice di tutte le grazie soprattutto nelle anime generose, che Ella suscita alla vocazione, che chiama ad una vita superiore con le grazie della luce e della forza per vincere le esitazioni e gli ostacoli, e anche con le innumerevoli grazie di preparazione diretta al sacerdozio; fino al momento benedetto in cui Ella può presentare l’ordinando a suo Figlio, il Quale, per mano del vescovo, ne fa veramente un altro Se stesso.
In verità, “Se la Vergine, Madre di Dio, ama tutte le anime di un amore ardente, tuttavia Ella ha una predilezione per i sacerdoti, che sono l’immagine vivente di Gesù Cristo» (Pio XI).

mercoledì 5 giugno 2019

Riscopriamo l’Adorazione Eucaristica di riparazione

A reti unificate con il sito CooperatoresVeritatis, vogliamo offrirvi un importante appello di un laico cattolico, il professor Piergiogio Cesario il quale ha scritto una Lettera per tutti noi, sollecitandoci a prendere a cuore noi stessi l’iniziativa e una Lettera ai Sacerdoti e Vescovi per risvegliare in essi l’attenzione ad un atto sempre più dimenticato: l’Adorazione Eucaristica DI RIPARAZIONE…

Carissimo fratello/sorella,

ti scrivo questi pensieri per rivolgerti un invito. A questo invito premetto le parole stupende del salmista che ci interpella : “ Venite, prostrati adoriamo, in ginocchio davanti al Signore che ci ha creati ! ”

Nelle nostre chiese c’è un tesoro grandissimo il Tabernacolo nel quale in silenzio, in attesa di noi, c’è proprio Lui, …Dio da Dio, Luce da Luce, Dio vero da Dio vero…Gesù il Signore e Salvatore, il Re dell’universo, il Risorto …

Il tabernacolo è in tutte le chiese, ma nella mia parrocchia (Sant’Antonio a C/mare di Stabia) vi è addirittura una cappellina con Gesù Eucarestia esposto…quale grande dono, quale grande privilegio !

Sono convinto che tra tutti i doni dei quali il Signore ci ha ricolmati non vi è e non vi potrà mai essere un dono più grande di questo : Lui Stesso in Corpo, Anima, Sangue e Divinità…Lui una sola cosa con il Padre nell’eterno abbraccio d’amore che è Lo Spirito Santo !

Per questo motivo penso che sia un’opportunità speciale incontrare Gesù che ci attende – sia nel tabernacolo, sia addirittura esposto – e dal quale non possiamo altro che ricevere Grazia e benedizione.

Il mio invito in particolare è quello di prendere l’impegno di trascorrere mezz’ora alla settimana in adorazione, soprattutto con la seguente intenzione : riparare tutte le offese, le irriverenze, i sacrilegi, le profanazioni che Gesù ha ricevuto nell’Eucarestia dalla Sua Istituzione fino ad oggi. 

Ti ringrazio di cuore per aver letto questi pensieri, Dio ti benedica con le persone che ami.

Nei Tre con la Piena di Grazia, tuo fratello in Gesù, Piergiorgio.

Preghiera. Padre Santo che hai tanto amato il mondo da donarci tuo Figlio, ti preghiamo con tutto l’amore del nostro cuore per riparare le offese che il Tuo Gesù ha ricevuto nel Santissimo Sacramento in ogni luogo ed in ogni tempo.

Signore Gesù Io ……. mi consacro al tuo cuore eucaristico e sacerdotale, ti adoro con tutto me stesso in riparazione delle offese, delle irriverenze e degli oltraggi che hai ricevuto sotto la specie eucaristica dal giorno della Sua Istituzione ad oggi.

Spirito Santo, vita del pane del cielo, ravviva in me la fiamma d’amore per Gesù Eucarestia affinché io possa testimoniare a tutti la bellezza e la verità della presenza reale di Gesù in ogni ostia consacrata!

E vogliamo ricordare anche le due giaculatorie insegnate dall’Angelo ai tre Pastorelli di Fatima, in riparazione alle profanazioni eucaristiche:

Santissima Trinità, Unico Vero Dio io credo, adoro, spero e ti amo, ti chiedo perdono per tutti quelli che non credono, non adorano non sperano e non ti amano.

Santissima Trinità: Padre, Figlio e Spirito Santo, io vi adoro profondamente e vi offro il Corpo, Sangue, Anima e divinità di Gesù Cristo presente in tutti i tabernacoli della terra, in riparazione degli oltraggi, sacrilegi e indifferenze con cui Egli è offeso; e per i meriti infiniti del Suo Sacratissimo Cuore e del Cuore Immacolato di Maria, vi chiedo la conversione dei poveri peccatori.

giovedì 30 maggio 2019

Solennità dell’Ascensione di Gesù al Cielo Giovedì 30 Maggio



Nella tradizione cristiana nel giorno dell'Ascensione si celebra l'ascesa al cielo di Gesù e ricorre quaranta giorni dopo la sua morte e resurrezione. Si tratta pertanto di una ricorrenza "mobile" (non cade sempre nello stesso giorno dell'anno) in quanto collegata alla data della Pasqua.
Il giorno dell'Ascensione 2019 è giovedì 30/05/2019.I paesi europei in cui tale giorno è invece riconosciuto festività nazionale sono: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Islanda, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Svezia e Svizzera.
In Italia Tale ricorrenza fino al 1977 era anche festa civile oggi non è più riconosciuta come festività ciò è molto triste (fa parte delle cosiddette "Festività Soppresse") e pertanto la Chiesa Cattolica ne posticipa la data alla successiva Domenica 02/06/2019.

mercoledì 29 maggio 2019

Giovedì 30 Maggio SOLENNITA' DELL'ASCENSIONE DEL SIGNORE!

Immagine correlata
«Uomini di Galilea,
perché fissate nel cielo lo sguardo?
Come l'avete visto salire al cielo,
così il Signore ritornerà».

Carissimi Giovedì 30 maggio la chiesa celebra la solennità dell'ascensione di Nostro Signore Gesù Cristo al cielo.Nella Cappella di Santa Caterina da Siena, in via Urbana 85 Roma, verrà celebrata la Santa Messa, alle ore !8:30, preceduta dal  Santo Rosario alle ore 18, il sacerdote resta disponibile per le confessioni già dalle ore 17:30.

lunedì 27 maggio 2019

IL SEGRETO DI FATIMA (Pubblicato dalla Rivista tedesca di Stoccarda, “Neues Europa” il 15 ottobre 1963) TESTO DEL SEGRETO


Risultati immagini per terzo segreto di fatima versione diplomatica
«Non aver timore, cara piccola. Sono la Madre di Dio, che ti parla e ti domanda di rendere pubblico il presente Messaggio per il mondo intero. Ciò facendo, incontrerai forti resistenze. Ascolta bene e fa attenzione a quello che ti dico: Gli uomini devono correggersi. Con umili suppliche, devono chiedere perdono dei peccati commessi e che potessero commettere. Tu desideri che io ti dia un segno, affinché ognuno accetti le Mie Parole che dico per mezzo tuo, al genere umano. Hai visto il Prodigio del Sole, e tutti, credenti, miscredenti, contadini, cittadini, sapienti, giornalisti, laici, sacerdoti, tutti lo hanno veduto. Ed ora proclama a Mio Nome: Un grande castigo cadrà sull’intero genere umano, non oggi, né domani, ma nella seconda metà del Secolo XX. Lo avevo già rivelato ai bambini Melania e Massimino, a “La Salette” ed oggi lo ripeto a te, perché il genere umano ha peccato e calpestato il Dono che avevo fatto. In nessuna parte del mondo vi è ordine, e satana regnerà sui più alti posti, determinando l’andamento delle cose. 

giovedì 23 maggio 2019

Maria Ausiliatrice

"La Madonna vuole che la onoriamo sotto il titolo di Maria Ausiliatrice: i tempi corrono così tristi che abbiamo bisogno che la vergine santissima ci aiuti a conservare e difendere la fede cristiana"
Risultati immagini per maria ausiliatrice

“Auxilium Christianorum”, “Aiuto dei Cristiani”, è il titolo che è stato dato alla Vergine Maria in ogni tempo e così viene invocata anche nelle litanie Lauretane del Rosario. Sulle virtù, la vita, la predestinazione, la maternità, la mediazione, l’intercessione, la verginità, l’immacolato concepimento, i dolori sofferti, l’assunzione di Maria, sono stati scritti migliaia di volumi, tenuti vari Concili, proclamati dogmi di fede, al punto che è sorta un’autentica scienza teologica: la Mariologia. E sempre è stata ribadita la presenza mediatrice e soccorritrice della Madonna per chi la invoca, a lei siamo stati affidati come figli da Gesù sulla Croce e a noi umanità è stata indicata come madre, nella persona di Giovanni apostolo, anch’egli ai piedi della Croce.L'invocazione Auxiluim christianorum, ora pro nobis appare, per la prima volta, nella versione delle litanie lauretane pubblicata nel 1576 e approvata da papa Clemente VIII nel 1601; essa era assente nella versione più antica, risalente al 1524. Secondo la tradizione tale invocazione fu aggiunta da papa Pio V dopo la vittoria riportata dalla Lega santa sugli ottomani a Lepanto (7 ottobre 1576), ma più probabilmente rappresenta una variante del titolo Advocata christianorum che si trova nell'edizione del 1524.In ogni caso, l’utilizzo ufficiale del titolo “Auxilium Christianorum” si ebbe con l’invocazione del grande papa mariano e domenicano san Pio V (1566-1572), che le affidò le armate ed i destini dell’Occidente e della Cristianità, minacciati da secoli dai turchi arrivati fino a Vienna, e che nella grande battaglia navale di Lepanto (1571) affrontarono e vinsero la flotta musulmana. Il papa istituì per questa gloriosa e definitiva vittoria, la festa del S. Rosario, ma la riconoscente invocazione alla celeste Protettrice come “Auxilium Christianorum”, non sembra doversi attribuire direttamente al papa, come venne poi detto, ma ai reduci vittoriosi che ritornando dalla battaglia, passarono per Loreto a ringraziare la Madonna; lo stendardo della flotta invece, fu inviato nella chiesa dedicata a Maria a Gaeta dove è ancora conservato. Il grido di gioia del popolo cristiano si perpetuò in questa invocazione; il Senato veneziano fece scrivere sotto il grande quadro commemorativo della battaglia di Lepanto, nel Palazzo Ducale: “Né potenza, né armi, né condottieri ci hanno condotto alla vittoria, ma Maria del Rosario” e così a fianco agli antichi titoli di Consolatrix afflictorum (Consolatrice degli afflitti) e Refugium peccatorum (Rifugio dei peccatori), si aggiunse per il popolo e per la Chiesa Auxilium Christianorum (Aiuto dei cristiani).

martedì 21 maggio 2019

Essere scrupolosi è una buona cosa, ma essere troppo scrupolosi non lo è ."I Sacramenti della Chiesa sono validi"?

Risultati immagini per sacramenti sono validi nella chiesa del dopo concilio
Alcune persone, indubbiamente animate da un lodevole zelo di verità, si tormentano al pensiero se i Sacramenti amministrati da sacerdoti i quali, di fatto, sono modernisti, nel contesto di una Chiesa cattolica che è sempre meno cattolica e sempre più massonica, gnostica e relativista, non sono validi e quindi non conducono le anime alla salvezza, ma creano solo l’illusione di essere nella grazia di Dio. Ne conosciamo diverse e siamo persuasi che, nella grande maggioranza dei casi, si tratta di persone eccellenti, animate dalle migliori intenzioni e da un sincero scrupolo religioso; nondimeno, riteniamo che i loro scrupoli non conducano da nessuna parte e che servano solo a farle soffrire, oppure a chiudersi da se stesse in una specie di recinto ideale, nel quale, di fatto, si separano da tutto e da tutti, perché, secondo loro, al di fuori di esso non vi sono la verità, né la Presenza Reale del Signore, e perciò neppure la salvezza. Abbiamo avuto occasione di discutere con esse; e non solo non siamo riusciti a placare i loro scrupoli, ma, al contrario, ci siamo visti accusare, sia pure con molto garbo, di essere a nostra volta infetti dal virus del modernismo, precisamente per la ragione che riteniamo validi i Sacramenti ricevuti secondo la retta intenzione del credente. I punti centrali sono due. Primo, la Chiesa cattolica è sempre la Sposa di Cristo: per quanto infedele, e talvolta perfino meretrice, resta pur sempre una “santa meretrice”, fondata da Gesù e sorretta e consigliata dalla presenza dello Spirito Santo. Ciò non toglie che il clero possa errare e che possa essere traviato: ma il clero, come pure i fedeli laici, rappresentano solo la Chiesa visibile, cioè una piccola parte del superbo edificio: l’altra parte è formata dalla Comunione dei Santi, alla quale partecipano anche le anime del Purgatorio e del Paradiso, nonché dalla presenza di Dio stesso. E poiché Gesù in Persona ha assicurato che le porte degli inferi non prevarranno su di essa, non dobbiamo mai scoraggiarci e disperare, neppure davanti alle cose che possono provocare in noi il più profondo turbamento.Che cosa sono i tempi degli uomini, in confronto ai tempi di Dio? A noi uomini, sembra che qualche anno o qualche decennio d’infedeltà siano sufficienti a concludere che la Chiesa si è persa, che non è più quella; ma Dio non misura il tempo come lo misuriamo noi, i nostri anni e i nostri decenni sono meno di niente ai Suoi occhi: quello che conta è che Egli è e resta il padrone della storia; e, se è il padrone della storia, figuriamoci se non è anche il padrone della Chiesa da Lui stesso fondata, e amata fino al sacrificio d’amore della morte sulla Croce.

domenica 19 maggio 2019

"Alcuni puntini sulle i!"

Risultati immagini per salvini con la madonninaRisultati immagini per salvini con la madonnina
Il leader della Lega Matteo Salvini ieri durante una affollatissima manifestazione in piazza Duomo a Milano ha invocato l'intercessione della Madonna Santissima e dei Santi Patroni d'Europa "per la pace e la prosperità dei nostri popoli": parole che sono subito risuonate con commozione nel cuore dei cattolici che amano "Gesù e la Sua Chiesa! " 
Che un politico emergente in Italia parli di Dio e della Sua Santissima Madre, non può che essere cosa buona in sé. (L'indignazione del direttore di civiltà cattolica la troviamo sproporzionata). Soprattutto pensando a quanto può far schiumare di rabbia coloro che hanno tradito nel più profondo del loro cuore e che vedono un odiatissimo politico laico dire ciò che essi non dicono e non fanno più da decenni. Rosari vangelo, e crocifissi, carissimo Padre Spadaro fanno parte del nostro tesoro, sono le nostre riserve auree, non esiste una politica cristiana, ma cristiani che si impegnano in politica, testimoniando con coerenza i valori in cui credono.
D’altra parte, cos’è la politica cristiana? Concedere, forse, qualche favore alla Chiesa? O assecondarla con leggi favorevoli? Le radici della nostra cultura di credenti affondano nel Vangelo. Bisogna ripartire da Cristo, che va conosciuto, amato e imitato. Il suo indignarsi reverendo padre Spadaro lo pone in una posizione ridicola, dinnanzi all'opinione pubblica .Vorrei inoltre ricordare a questo Gesuita che milioni di cattolici il 4 marzo del 2018, usciti dalla messa, correvano al seggio per barrare il simbolo salviniano sulla scheda elettorale,e nuovamente lo rifaranno domenica 26 Maggio 2019, soprattutto quelli per cui la difesa dei princìpi non negoziabili di venerata memoria restano qualcosa di valido ancora oggi.E i sondaggi demoscopici lo confermano un anno dopo, con la Lega sempre più “partito dei cattolici”che piaccia o no ai sinistroidi gesuiti e all'avvenire adesso diventato l'organo ufficiale del PD. E Matteo Salvini trasfigurato in un De Gasperi alternante felpa e giacca della polizia. La Lega, con il suo Leader Matteo Salvini insomma, come bastione ultimo della civiltà cristiana, argine che protegge l'Europa l'Italia dal laicismo esasperato e tracotante dei vessilliferi dei diritti tout court. Segni dei tempi.

martedì 14 maggio 2019

Burkina Faso, altri 4 cristiani uccisi: Domenica era stato ammazzato un sacerdote con cinque fedeli

Nuovo attacco contro i cattolici in Burkina Faso.Il dolore del papa con un semplice tweet, nessuna condanna da parte del vescovo di Roma, o dalla comunità internazionale, tanto sono solo cristiani cattolici.  Quattro fedeli che stavano riportando in chiesa la statua della Vergine dopo aver partecipato ad una processione mariana, sono stati uccisi ieri a Singa, nel comune di Zimtenga, nella regione del centro nord del Paese. Si tratta della stessa regione alla quale appartiene la provincia di Sanmatenga, dove domenica 12 maggio, don Siméon Yampa, parroco di Dablo, è stato ucciso insieme a cinque fedeli nell'assalto alla chiesa durante la messa domenicale. Lo riferisce Fides.
Uccisi per strada dai terroristi islamici solo perché cattolici: non c'è pace per la minoranza cristiana in Burkina Faso. Dopo la strage di domenica, quando i jihadisti hanno massacrato un parroco e cinque fedeli durante la messa, stavolta è toccato ad altre quattro persone, falciate mentre partecipavano a una processione mariana. I due attentati sono stati messi a segno nella stessa regione settentrionale del Paese. Non lontano dal confine con il Niger, in un'area dove è maggiore la presenza di terroristi e dove i cristiani sono da tempo nel mirino: nella zona di frontiera col Burkina Faso un parroco nigerino è stato ferito a una mano e a una gamba. E ancora non si hanno notizie di padre Pier Luigi Maccalli, il missionario italiano rapito a settembre scorso.
I commenti contenenti linguaggio sgradito, insulti , con contenuti a sfondo razzista , sessista ed intolleranti saranno cestinati dall'amministratore del blog che si riserva il diritto di scegliere quali commenti possono essere pubblicati.

Questo sito internet è un blog personale e non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001


Realizzazione siti web - www.webrex2000.com