In Tua Justitia Libera me Domine

Blog della Tradizione Cattolica Apostolica Romana

lunedì 16 luglio 2018

Mons.Athanasius Schneider "Dietro i migranti c'è un piano per cambiare i popoli europei"


Un piano affinché la cristianità dell'Europa venga messa in discussione. Questa è la visione del vescovo kirghiso Schneider, che si è soffermato su questo e altri temi che riguardano da vicino anche la visione della Chiesa cattolica

Un piano per mettere in discussione la stessa cristianità dell'Europa. Il vescovo kirghiso Athanasius Schneider sembra esserne sicuro.

Mons.Athanasius Schneider  

Un piano, ancora, che sarebbe stato addirittura "preparato da lungo tempo". Un piano, in definitiva, "orchestrato".Di questo e di altri temi abbiamo parlato con il prelato di Astana.

Sua Eccellenza, c'è "confusione dottrinale" nella Chiesa contemporanea?

"Già quarant’anni fa Papa Paolo VI constatò con realismo la seguente situazione all’interno della vita della Chiesa: “Si credeva che dopo il Concilio sarebbe venuta una giornata di sole per la storia della Chiesa. È venuta invece una giornata di nuvole, di tempesta, di buio, di ricerca, di incertezza. Da qualche fessura sia entrato il fumo di Satana nel tempio di Dio»”. Questa situazione si è aggravata negli ultimi decenni a tal punto che ha costretto il grande cardinale Carlo Caffarra ad affermare alcuni mesi prima della sua morte: “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”.

Uno dei temi più dibattuti riguarda la cosiddetta "Intercomunione". Il Papa ha detto di non aver fatto "alcun passo indietro", mentre Ladarìa ha parlato di "testo non pronto". Qual è la situazione?

"Dobbiamo guardare il problema nelle sue radici. Il proprio effetto della Comunione Eucaristica è l’unione perfetta di tutti i membri della Chiesa. Perciò, la stessa ricezione dell’Eucaristia – pure in casi cosiddetti d’emergenza – da parte di un cristiano protestante o ortodosso, rappresenta nell’ultima analisi una menzogna, poiché un tale acattolico ammesso all’Eucaristia continua intenzionalmente a rigettare l’integrità delle verità cattoliche e della comunione gerarchica. In ciò si vede anche il principio teologicamente contradditorio del canone 844 del Codice del Diritto Canonico che parla dell’ ”intercomunione” in casi d’emergenza. Le proposte dei vescovi tedeschi sull’ “intercomunione” è solamente una conseguenza logica del menzionato canone. E ciò contraddice la pratica costante della Chiesa durante i due mila anni".

La questione dei "dubia" è stata risolta?

"Questa questione evidentemente non è stata risolta. Infatti la realtà innegabile è questa: autorità ecclesiastiche a diversi livelli hanno dato la loro approvazione – pure in casi eccezionali – al divorzio. Lo hanno fatto però tramite l’ammissione alla Santa Comunione di persone che vivono intenzionalmente e stabilmente in modo uxorio con una persona che non è il loro legittimo coniuge. Nessuna autorità ecclesiastica ha il potere di dispensare – nemmeno implicitamente o in un caso eccezionale – dal sesto comandamento Divino e dall’indissolubilità del matrimonio".

C'è una grande discussione attorno al tema dell'immigrazione. L'Italia è stata lasciata sola dall'Unione europea? La Chiesa continua a richiamare il nostro paese "all'umanitarismo".

"Il fenomeno della cosiddetta “immigrazione” rappresenta un piano orchestrato e preparata da lungo tempo da parte dei poteri internazionali per cambiare radicalmente l’identità cristiana e nazionale dei popoli europei. Questi poteri usano l’enorme potenziale morale della Chiesa e le loro strutture per conseguire più efficacemente il loro obiettivo anti-cristiano e anti-europeo. A tale scopo si abusa il vero concetto dell’umanesimo e persino il comandamento cristiano della carità".

Cosa ne pensa del ministro italiano dell'Interno Matteo Salvini?

"Non seguo e non conosco bene la situazione politica italiana, per questo non sono in grado di pronunciarmi in merito. Però se un governo di una determinata nazione europea tenterebbe di accentuare più la propria sovranità e la propria identità storica, culturale e cristiana di fronte al totalitarismo di una specie di nuova Unione Sovietica, la quale si chiama oggi l’Unione Europea con un’ideologia inconfondibilmente massonica, ciò è certamente da lodare".

Sindaci italiani del Movimento 5 Stelle, come Chiara Appendino a Torino, hanno registrato all'anagrafe figli delle coppie omosessuali. Qual è la posizione della Chiesa cattolica al riguardo?

La Chiesa cattolica come pure ogni persona umana di buon senso e diretta ragione ha sempre rigettato l’attività omossessuale. Affidare a cosiddette copie omossessuali figli significa una violazione di un diritto fondamentale di ogni bambino di crescere e di essere educato da un papà e di una mamma. L’affidamento dei figli alle cosiddette coppie omossessuali rappresenta in ultima analisi un abuso morale dei bambini, dei più piccoli e indifesi. Questo fenomeno passerà alla storia come uno dei più grandi degradi di civiltà. Quelli che oggigiorno combattono tale ingiustizia clamorosa sono i veri amici dei bambini e eroi del nostro tempo".
(Francesco Boezi  fonte il Giornale) 

giovedì 12 luglio 2018

Mons. Lefebvre – Un vescovo nella tempesta "Breve biografia"

Che il cuore del sacerdote sia sempre accogliente.
Oh, non per i compromessi, non per diminuire la verità, 
non per diminuire la grazia di Dio, ma per attirare le anime alla verità, 
per attirarle alla grazia del Buon Dio…
Che il cuore del sacerdote sia un cuore misericordioso.

di Mons. Lefebvre

"Breve biografia"
Marcel Lefebvre nasce il 29 novembre 1905 da una famiglia di industriali del nord della Francia. Dopo gli studi secondari, raggiuge il fratello maggiore nel seminario francese di Roma, nell’ottobre 1923. Mons. Lefebvre conserverà sempre una grande stima per il direttore del seminario francese, Padre Henri Le Floch, che gli fece amare e riverire l’insegnamento dei papi. Il Padre spiegava con forza le grandi encicliche contro gli errori moderni come il liberalismo, il modernismo o il comunismo. Il 21 settembre del 1929, Marcel Lefebvre vieneordinato sacerdote da Mons. Liénart a Lilla.



In seguito ritorna a Roma per preparare il suo dottorato in teologia, mentre svolge il compito di gran cerimoniere del seminario. Già titolare di un dottorato in filosofia, ottiene il dottorato in teologia il 2 luglio del 1930.

Dal 1930 al 1931 è vicario in una periferia operaia di Lilla, mentre aspetta dal suo vescovo il permesso di entrare nella Congregazione missionaria dei Padri dello Spirito Santo. Il 1 settembre del 1931 inizia il suo noviziato.

Dopo aver emesso la sua professione religiosa, l’8 settembre 1932, il 12 novembre s’imbarca per Libreville (Gabon), ove viene nominato professore nel seminario, posto che occuperà fino al 1934, quando gli verrà affidata la direzione fino al 1938. In quest’anno, soffrendo di paludismo e completamente esaurito, fu mandato a “riposarsi in campagna”.

Lo Stato della Città del Vaticano Storia,nel tempo,oggi




Il termine Vaticano anticamente identificava l’area paludosa sulla riva destra del Tevere, compresa fra Ponte Milvio e l’odierno Ponte Sisto.
StoriaDurante il periodo regio e per tutta l’età repubblicana, il territorio era noto come Ager Vaticanus e si estendeva a nord fino alla foce del Cremera, a sud almeno fino al Gianicolo. In età imperiale, a partire dal II secolo d.C., è attestato il toponimo Vaticanum che comprendeva un’area grossomodo corrispondente a quella dell’odierno Stato della Città del Vaticano. In epoca romana l’area, esterna alla città di Roma, fu bonificata e occupata da ville, dai giardini di Agrippina – madre dell’imperatore Caligola (37-41 d.C.) – e da vaste necropoli disposte lungo le arterie principali. Nei giardini della madre, Caligola costruì un piccolo circo per gli allenamenti degli aurighi (Gaianum), ristrutturato successivamente da Nerone (54-68 d.C.), presso il quale la tradizione vuole che Pietro abbia subìto il martirio nella grande persecuzione contro i cristiani ordinata da Nerone nel 64 d.C.

mercoledì 11 luglio 2018

Elezione degli Assistenti generali Fraternità sacerdotale San Pio X


Proprio mentre il giorno stava per finire, il nuovo Superiore Generale della Fraternità sacerdotale di San Pio X, Don Davide Pagliarani, e gli altri 40 padri capitolari hanno deciso di procedere all'elezione dei due Assistenti generali.

Il primo assistente eletto è Sua Ecc, Rev.Mons. Alfonso de Galarreta, vescovo ausiliare della Fraternità sacerdotale San Pio X, di nazionalità spagnola. Età 61 anni, è stato ordinato sacerdote nel 1980 a Buenos Aires, in Argentina, dove visse per un certo periodo. In passato ha ricoperto il ruolo di Rettore della Nostra Signora Co-Redemptrix Seminary a La Reja, in Argentina, e superiore della Casa Autonoma di Spagna e Portogallo. È stato 2 ° Assistente della Fraternità dal 2002 al 2006. Fino ad ora, ha risieduto a Ginevra, in Svizzera.

Il secondo assistente eletto è padre Christian Bouchacourt, di nazionalità francese. All'età di 59 anni, fu ordinato sacerdote nel 1986 dall'arcivescovo Mons. Marcel Lefebvre. Per lungo tempo è stato di stanza a Parigi, in particolare a Saint-Nicolas du Chardonnet, prima di diventare Superiore del distretto del Sud America, nel 2014 è stato eletto superiore del distretto di Francia. 

Ora che queste elezioni si sono svolte, il Capitolo generale sarà in grado di affrontare le numerose domande che sono state proposte per la discussione, fino al 21 luglio 2018.

Continuiamo a ricordarli nelle nostre preghiere affinché siano illuminati dallo Spirito Santo e compiano così un proficuo lavoro per il bene della Fraternità e della Chiesa.

Ecône, l'11 luglio 2018

Don Davide Pagliarani Eletto Superiore Generale della Fraternità Sacerdotale San Pio X

news-header-immagine


Il IV Capitolo Generale della Fraternità Sacerdotale San Pio X ha eletto per un mandato di 12 anni come superiore generale don Davide Pagliarani .In questi tempi difficili e di crisi lacerante essere il Successore di Mons. Marcel Lefebvre vuol dire caricarsi di enormi responsabilità, che richiedono forte coraggio, ma soprattutto fede incrollabile e certezza in un avvenire migliore . E noi siamo pronti, con la nostra rinnovata coscienza di figli primogeniti di Mons. Marcel Lefebvre, a sostenere il suo lavoro, convinti che la Fraternità Sacerdotale San Pio X tutta, dovrà fiorire sempre più per il bene della Chiesa e del mondo intero .. Noi salutiamo don Davide Pagliarani il nostro Padre e Superiore ; a lui riconfermiamo la nostra fedeltà, protesa ad una sempre migliore realizzazione del progetto di Dio.
(la redazione)

Il nuovo Superiore Generale ha 47 anni ed è di nazionalità italiana. Ha ricevuto il sacramento dell'Ordine dalle mani del vescovo Bernard Fellay nel 1996. Ha esercitato il suo apostolato a Rimini (Italia), poi a Singapore, prima di essere nominato Superiore del Distretto d'Italia. Dal 2012 è stato Rettore di Nostra Signora Co-Redemptrix Seminary di La Reja (Argentina).Dopo aver accettato il suo ufficio, l'eletto ha pronunciato la professione di fede e ha pronunciato il giuramento anti-modernista nella chiesa del seminario. Quindi, tutti i padri capitolari presenti  hanno fatto atto di obbedienza, prima di cantare il Te Deum in ringraziamento.


I 41 padri capitolari procederanno domani con l'elezione dei due Assistenti generali, per lo stesso mandato di 12 anni. Il Capitolo continuerà fino al 21 luglio al Seminario di San Pio X di Ecône (Svizzera)


Ecône, 11 luglio 2018


(Fonte: FSSPX - FSSPX.News - 07/11/2018)

domenica 8 luglio 2018

Sette domande sul Capitolo generale




Come inizia il capitolo?

I membri del Capitolo non iniziano subito; si radunano per la prima volta ai piedi della Croce di Gesù Cristo Sommo Sacerdote per un ritiro di 5 giorni che sarà il loro ritiro annuale.(capitolo generale)

Questo ritiro è anche un'opportunità per loro di pregare nella cripta del seminario dove giace il Fondatore della Fraternità Sacerdotale San Pio X e chiedere la sua intercessione per l'opera da lui fondata.

Come stabiliscono gli Statuti della Fraternità, dopo il ritiro il giorno in cui il Capitolo si apre, l'11 luglio 2018, i membri offriranno "il Santo Sacrificio della Messa per ottenere assistenza divina per il lavoro del Capitolo Generale e specialmente per le elezioni".

Inizieranno quindi i preparativi per l'elezione del Superiore Generale. Durante una riunione preparatoria, le regole saranno lette, i partecipanti saranno chiamati per nome e il giuramento sarà pronunciato.

Ogni membro riceverà un opuscolo contenente le regole del capitolo con l'elenco dei partecipanti: e tutti saranno assegnati ai loro posti nella sala capitolare, in ordine di precedenza.

Prossimo: i membri del Capitolo prestano giuramento ed eleggono i funzionari del Capitolo.

Il Capitolo Generale è composto da 41 Padri capitolari designati secondo regole precise;non tutti i sacerdoti della fraternità sono chiamati a partecipare.

Alcuni sono designati dagli Statuti della Fraternità che furono approvati dall'arcivescovo Marcel Lefebvre: il Superiore generale uscente e i suoi due Assistenti, i vescovi della Fraternità, gli ex Superiori generali, il Segretario generale e l'Economo generale, i direttori dei maggiori seminari, i Superiori dei distretti e i Superiori di case autonome.

Questo rende 31 membri designati dallo Statuto.

Viene inoltre designato un numero aggiuntivo di sacerdoti (un terzo del numero dei membri ex officio o designato dallo statuto). Dieci dei membri più anziani della Fraternità, che hanno fatto il loro ultimo impegno, sono quindi scelti per partecipare al Capitolo.



Questo secondo modo di designare i membri si applicherà fino a quando la Fraternità avrà oltre un migliaio di membri sacerdoti (Statuti, 5.3).
Fonte: FSSPX.MG / FSSPX.News
I commenti contenenti linguaggio sgradito, insulti , con contenuti a sfondo razzista , sessista ed intolleranti saranno cestinati dall'amministratore del blog che si riserva il diritto di scegliere quali commenti possono essere pubblicati.

Questo sito internet è un blog personale e non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001


Realizzazione siti web - www.webrex2000.com