In Tua Justitia Libera me Domine

Blog della Tradizione Cattolica Apostolica Romana

martedì 22 giugno 2021

Mons. Viganò. NOTA a proposito di alcune dichiarazioni del Prof. Roberto De Mattei recentemente apparse su “Corrispondenza Romana”

                                                        
Carissimi amici, oggi pubblichiamo la risposta di Sua eccellenza reverendissima Mons.Carlo Maria Viganò, a 
proposito di alcune dichiarazioni
del Prof. Roberto De Mattei recentemente
apparse su “Corrispondenza Romana” 

Interventi Arcivescovo Carlo Maria Viganò

sulla crisi nella Chiesa
a partire dalla sua scottante Testimonianza sul Caso McCarrick
Reazioni, altri sviluppi e interventi correlati potete trovarli su  chiesaepostconcilio che svolge una grande opera per la Santa Chiesa e la Verità.

                                                                         NOTA   


Se ho parlato male, dimostrami dov'è il male;
ma se ho parlato bene, perché mi percuoti?
(Gv 18, 23)


Mi è stato segnalato l’articolo Caso Viganò: l’arcivescovo e il suo doppio, apparso ieri su Corrispondenza Romana [qui], anche in inglese, a firma del prof. Roberto de Mattei.


Non posso non esprimere il mio stupore per le affermazioni che un illustre intellettuale cattolico, salutato come paladino della Tradizione e che non ha risparmiato alla Gerarchia critiche anche severe ma sempre ponderate e giuste, ha ritenuto di dover formulare nei miei riguardi. In realtà sarebbe stato sufficiente consultarmi a voce o per lettera, per dissipare i suoi sospetti e sentirsi rassicurare sul fatto che tutti i miei scritti, le mie dichiarazioni e le interviste rilasciate sono frutto di una maturazione di convinzioni delle quali rivendico con fierezza la piena paternità.


L’idea di un mio “doppio” dev’essere frutto di qualche consigliere cui improvvidamente il prof. de Mattei ha prestato fede, senza accorgersi che così facendo si è esposto alla pubblica smentita di illazioni totalmente prive di fondamento e che, se mi è consentito, suonano anche poco caritatevoli nei miei riguardi. Colgo quindi l’occasione di questo suo articolo per smentirne le ardite e fantasiose tesi, rassicurando quanti hanno la bontà di leggermi e di ascoltarmi che non esiste nessun ghost writer, e che per grazia di Dio ho ancora il pieno possesso delle mie facoltà, non sono manipolato da nessuno e sono assolutamente determinato a proseguire la mia missione apostolica per la salvezza delle anime.
In altri tempi, de Mattei sarebbe stato orgoglioso di essere al mio fianco nella comune battaglia per la Verità cattolica, per la difesa dell’immutabile Magistero e della veneranda Liturgia tradizionale contro gli assalti dei Modernisti. Egli sarebbe probabilmente stato al mio fianco anche nella denuncia della frode pandemica e dell’intrinseca immoralità dei vaccini sperimentali prodotti con materiale fetale derivante da aborti.


I suoi recenti interventi - con il proprio nome o sotto pseudonimo - hanno dimostrato, non senza un vivo dolore, che se vi è un “doppio”, esso va cercato negli ultimi scritti del Professore; scritti che sembrano composti da un grigio funzionario di regime obbediente alla narrazione mainstream, e non dalla mente acuta e dalla fede genuina del de Mattei che conoscevo. Quantum mutatus ab illo.

                                                         + Carlo Maria Viganò, Arcivescovo
22 Giugno 2021
S. Paulini, Episcopi et Confessoris

giovedì 10 giugno 2021

Vaccinazione contro il Covid? È moralmente vincolante, difendibile o riprovevole?


Foto da Médias-Presse-Info


Oggi la Redazione propone, per i suoi lettori, un ottimo articolo (in traduzione italiana), redatto da padre Stefan Frey, Superiore del Distretto Austriaco della FSSPX, il quale si interroga riguardo alla liceità morale dei vaccini anti-Covid.

Al momento non c'è questione che riguardi più i fedeli cristiani – e in generale qualsiasi persona retta e onesta – che quella della posizione morale e medica da adottare di fronte alle massicce iniezioni del vaccino Covid, il cui scopo dichiarato dei suoi amministratori e sostenitori, che non si fermano a nulla e usano tutto per raggiungerlo, è quello di "vaccinare tutta l'umanità"(1). Se ascoltassimo Papa Francesco o prelati di alto rango come l'arcivescovo Lackner, presidente della Conferenza episcopale austriaca, noi cattolici avremmo il dovere morale di lasciarci vaccinare. D'altra parte, ci sono innumerevoli esperti di ogni disciplina possibile e immaginabile, che però mettono categoricamente in guardia dai pericoli connessi a questa vaccinazione. A chi dovremmo credere? Come possono tutti, nella loro situazione concreta, giungere a una decisione saggia ed eticamente difendibile?

Senza potermi presentare come specialista in medicina, tuttavia, spetta a noi sacerdoti dare indicazioni sulle implicazioni morali di questo vaccino e fornire ai fedeli una direzione il più chiara possibile. Per fare sufficiente luce su questo tema così complesso, abbiamo lavorato a stretto contatto con i medici, che da settimane si dedicano a intense ricerche. Un'osservazione iniziale: la maggior parte dei medici non è molto ben informata sulla ricerca e lo sviluppo di vaccini e altri medicinali. Troppo di ciò che fa l'industria farmaceutica avviene all'ombra della segretezza e dell'occultamento. Sembra essere necessaria la rivelazione degli scandali, in modo da poter fare un po' di luce sull'orribile commercio di queste persone, come, ad esempio, alcuni anni fa, il traffico di organi di Planned Parenthood, da parte del più grande gruppo abortista al mondo, che ha venduto in massa gli organi dei bambini abortiti a gruppi farmaceutici(2). Per ottenere una valutazione morale approfondita del vaccino Covid, è necessario almeno chiarire le seguenti aree problematiche:

1. L'origine dei vaccini

È noto che le linee cellulari embrionali provenienti da aborti che presumibilmente hanno avuto luogo decenni fa sono state utilizzate per la ricerca e lo sviluppo di vaccini attuali. Tuttavia, questo fatto non sembra disturbare alcune menti. Ma quando sappiamo cosa sta succedendo nell'ombra, vale a dire che per lo sfruttamento degli organi sviluppati di un embrione, il bambino viene strappato vivo dal grembo materno, "macellato" e "sventrato" vivo, in modo da poter così raggiungere gli organi che sono ancora vivi e che ciò è accaduto sistematicamente un numero incalcolabile di volte e sta ancora accadendo, allora la questione deve essere considerata in modo diverso. Questi fatti, che sono stati pubblicati molte volte negli ultimi tempi, sono stati respinti con il pretesto di essere affermazioni inconsistenti fatte da cospirazionisti. Per questo motivo è stato necessario sostenere con forza queste informazioni con prove e documenti inconfutabili. Il merito di questo lavoro va alla Dott.ssa Eva-Maria Hobiger e sarà trattato nel seguente articolo ("FSSPX Mitteilungsblatt" (Distrikt Österreich), aprile 2021 (Nr. 507), pagine 10-17). Chiunque sia vaccinato deve essere consapevole di finanziare e sostenere – volontariamente o con la forza – le abominevoli macchinazioni di un'industria farmaceutica senza scrupoli.

2. Valutazione dei rischi

Ci sono un numero crescente di segnalazioni che riportano gravi effetti collaterali e casi mortali in gran numero a seguito dell'assunzione del vaccino Covid(3). Quanto sono pericolosi questi vaccini? Nessuno può rispondere a questa domanda. Nessuno può escludere lesioni a lungo termine, o addirittura lesioni ereditarie. Nessuno sa se la vaccinazione di massa non si concluderà con una catastrofe umanitaria su scala globale. Dr. Norman Zeelan(4), medico specializzato in questo campo e ricercatore riconosciuto in Germania, presta attenzione al pericolo: "Nessuno contesta che anche la fase di sviluppo e test di una vaccinazione efficace dura dai 10 ai 20 anni circa. Questo periodo di tempo può essere abbreviato solo se sei in possesso di una macchina del tempo... Non c'è mai stata una vaccinazione, il cui sviluppo e osservazione a lungo termine sono durati meno di 4-5 anni e che non sia finito in disastro. – Miliardi di giovani sani devono essere sottoposti a questo esperimento umano con conseguenze sconosciute, anche se il beneficio che ne deriverebbero per se stessi e per gli altri non è ancora stato esattamente stabilito". È consentito esporre la propria salute e forse quella dei propri discendenti in questo modo a rischi così gravi, senza essere realmente in grado di riconoscerne l'utilità? Il buon senso non si ribella con veemenza contro questo?

3. Proporzionalità

Un anno fa, l'immagine terrificante di una grave pandemia, approssimativamente paragonabile all'influenza spagnola, di cui morirono da 50 a 100 milioni di persone in Europa, si stava diffondendo sotto i nostri occhi. Nel frattempo, l'allerta avrebbe potuto essere revocata molto tempo fa. I dati dei Dipartimenti federali di statistica non indicano un tasso di mortalità per il 2020 che ecceda il quadro degli anni precedenti, poiché la malattia è quasi esclusivamente pericolosa solo per le fasce d'età oltre gli 80 anni – come nel caso di ogni normale epidemia influenzale. Come si possono dunque giustificare misure così gravi e rischiose, alle quali la popolazione è soggetta senza interruzioni?

4. Chi beneficia del vaccino?

La prova dei fatti ci porta purtroppo all'osservazione che la campagna vaccinale globale è al servizio di un'agenda politica, il cui scopo è quello di portare un nuovo ordine mondiale all'umanità, una dittatura secondo il modello socialista, che sicuramente ci toglierà la sfera privata e la libertà, ma che in cambio ci porterà "uguaglianza", "giustizia", "pace" e "sicurezza" – come tutte le dittature hanno di fatto formulato finora. Abbiamo il diritto di sottometterci a concezioni così sprezzanti della natura umana e anticristiane, senza impegnarci nella resistenza?

Conclusione e prospettiva

Sebbene le quattro questioni sollevate debbano ancora essere esplorate da un punto di vista argomentativo, dobbiamo esprimere la nostra estrema preoccupazione morale per l'attuale vaccino Covid e insistere nel non sottomettersi al vaccino. So che molte persone sono sotto pressione per vaccinarsi. Ma è sempre consentito rinviare alla propria coscienza e ritardare il vaccino fino a quando non viene proposto uno dei vaccini inerti (Totimpfstoffe), basato su metodi di sviluppo convenzionali e che non presenta alcuna colpa dal punto di vista morale. La Divina Provvidenza ci fa vivere in questi tempi difficili. Chi sa tutto ed è infinitamente buono sa cosa può chiederci. In prove straordinarie, Egli ci offre grazie straordinarie, perché possiamo metterci alla prova. Egli vuole che viviamo interamente in unione con il nostro amato Redentore e traiamo vita e forza dai misteri della Sua Passione e Risurrezione. Egli dia tutta la forza di perseverare, il coraggio di resistere e soffrire, ma vi consoli anche con l'inesauribile gioia della Sua Santa Risurrezione.

Se la Santissima Vergine annunciò la diffusione globale dell'ideologia di sinistra in tutta la terra(5), annunciò anche la sua vittoria finale su quest'ultima.

Preghiamo Maria perché ci guidi e ci porti luce e forza.

È in questo spirito che vi auguro con tutto il cuore una Buona Settimana Santa e una Pasqua gioiosa, piena di grazie!

Il Vostro padre Stefan Frey


1 "La pandemia sarà sconfitta solo dopo che tutti gli abitanti della terra saranno stati vaccinati", ha spiegato la cancelliera Merkel (Bundeskanzlerin.de, 19.02.2021). – "Il mondo tornerà alla normalità solo quando l'intera popolazione mondiale sarà vaccinata" (Bill Gates).

2 Un tribunale federale tedesco ha ordinato al Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti di pubblicare informazioni relative all'acquisto di organi "freschi e mai congelati". ... La decisione del Bundesgericht afferma che l'azienda Advanced Biosciences Resources (ABR) "ha venduto fegati e ghiandole timo prese dopo la quattordicesima settimana di gravidanza per centinaia di dollari a pezzo. Lo stesso vale per cervello, occhi e polmoni. ... L'ABR potrebbe incassare più di $ 2000 per un singolo feto di Planned Parenthood. Il governo federale tedesco ha partecipato per anni a questo mercato potenzialmente illegale", ha detto in un comunicato di Judicial Watch del 15.3.2021 (dailycaller.com/2021/03/16/federal-court-judicial-watch-financial-record-fetus-organs).

3 Attualmente ci sono circa 4000 decessi in Europa in relazione al vaccino Covid (dati ufficiali dell'EMA (Agenzia europea per i medicinali), al 13.3.2021).

4 Il dottor Zeelan è uno degli unici ricercatori medici nella Repubblica federale di Germania (Bundesrepublik Deutschland) ad aver svolto studi clinici indipendenti, prospettici e randomizzati, in doppio cieco e controllati con placebo. Ha decenni di esperienza clinica, ha ricevuto un premio per il suo lavoro di ricerca e ha pubblicato su diverse riviste internazionali (rubikon.news, Gefährliche Geninjecktion, 12.3.2021).

5 Lei (Suor Lucia) mi ha ripetuto più volte e con adeguata solennità: "Ciò che la Madre di Dio vorrebbe è che il Santo Padre e tutti i Vescovi consacrino la Russia al suo Cuore Immacolato in occasione di una cerimonia speciale. Se ciò accadrà, la Beata Vergine convertirà la Russia e la pace regnerà nel mondo. Altrimenti, gli errori della Russia si diffonderanno ovunque". – "Questo significa, secondo Lei, che tutti i paesi senza eccezione saranno conquistati dal comunismo?" – "Sì". (Fra François de Marie des Anges, Fatima Joie intime – Événement mondial, p.274).

Fonte:

lunedì 10 maggio 2021

la Chiesa tedesca ha "tradito la Fede Cattolica"


Il vicario Wolfgang Rothe, benedice Christine Walter e Almut Muenster durante una funzione religiosa a Monaco di Baviera  

La Germania ha del tutto abbandonato la "dottrina Cattolica". Sacche di resistenza del conservatorismo provano ad evitare il trionfo progressista.

La Chiesa cattolica tedesca, rivisitando se stessa, ambisce a modificare il palinsesto dottrinale di Roma, nel senso della Santa Sede. Nella Germania del cardinale Reinhard Marx, che è un ultra-progressista ed un filo-Ong, è in corso un Sinodo biennale che intende apportare riforme significative tanto dal punto di vista dottrinale quanto dal punto di vista gestionale.La diocesi di Essen, una delle più progressiste nel contesto teutonico, si sta distinguendo per l’atteggiamento propositivo. E tutto questo prescinde dalle preoccupazioni del Vaticano, che ha già esposto più di qualche perplessità per l’iniziativa interna, una sorta di concilio, della realtà episcopale della Germania. Come abbiamo già avuto modo di spiegare, la materia della morale cristiano-cattolica è sì riformabile, ma solo dalla Chiesa universale, dunque dal papa. In Germania pensano tuttavia di poter procedere in maniera autocefala, senza badare troppo a quello che accade dalle parti di piazza San Pietro. Si è arrivati persino a parlare di “scisma”.Su diverse testate giornalistiche viene riportata la notizia oggi 10 Maggio 2021 che il clero di circa 100 chiese cattoliche benediranno centinaia di coppie omosessuali in aperto contrasto con la recente nota della Congregazione per la dottrina della fede, che ha vietato simili cerimonie. Venti di queste benedizioni verranno trasmesse online in diretta.

sabato 10 aprile 2021

Il Papa è solo uno: il suo nome è Francesco




di Dom Seraphinus

Era il 19 aprile del 2005, quando dal camino della Sistina uscì quel denso fumo bianco, questa volta non più fraintendibile come nel passato, il quale annunciava l’elezione del successore di Giovanni Paolo II.

Dopo un po’ di tempo ci veniva comunicato il nome del cardinale eletto, come pure il nome “pontificale” scelto, Benedetto XVI.

Da quel momento, abbiamo continuato o imparato ad amare, pregare, stimare e seguire Benedetto XVI, fino a quell’11 febbraio del 2013, quando in una fredda giornata d’inverno, durante un concistoro, annunciò ai cardinali riuniti la sua libera volontà di “rinunciare al ministero petrino, al suo essere successore di Pietro e vescovo di Roma”.

Tutto il mondo, compreso me, rimanemmo stupiti e attoniti, perché sebbene si sapesse che il Papa aveva questa possibilità a sua disposizione, tuttavia, anche forti dell’esperienza degli ultimi anni di Papa Woityla, mai si sarebbe pensato che un Papa avrebbe rinunciato alla sua “missio” nella Chiesa.

Da quel momento, fino alle ore 20.00 del 28 febbraio 2013, giorno e ora da lui scelti per porre la parola “fine” al suo mandato, tanti pensieri, discorsi, concetti, ragionamenti sono stati fatti da credenti e non credenti, uomini di Chiesa e persone semplici.

Tutti hanno detto la loro, cercando di far valere le proprie teorie a favore o contro la libera decisone di Benedetto XVI.

domenica 21 marzo 2021

“Tutta la vita di Cristo fu croce e martirio” ma noi attraverso le sue piaghe siamo stati guariti



(di don Bruno osb)

Le parole “Passio Christi passio hominis” ci invitano a mettere in relazione la passione, così carica di sofferenza di Gesù, con le tanti passioni, croci e sofferenze che nel corso della storia, ed in particolar anche oggi, segnano la vita dell’umanità e e scoprire come la passione del Signore illumina di luce nuova le numerose e spesso inspiegabili croci che gravano sulle spalle di tante persone.

Come non pensare alle grandi tribolazioni di molte famiglie povere, dei senza lavoro, alle croci quotidiane dei malati e dei moribondi, di quanti faticano a vivere dignitosamente, e alle tante sofferenze nascoste vissute nel silenzio tra lacrime e disperazione?

Soltanto la luce che promana da Gesù sofferente e risorto riesce ad arricchire di significato retentivo tutte le nostre sofferenze, se vissute e offerte con amore e con la certezza che nulla di quanto nel nostro vissuto quotidiano ci accosta alla croce di Cristo è privo di senso o va perduto.
Si può dire che tutta la vita di Gesù è orientata alla croce: le stesse narrazioni tre evangeliche si presentano come “storie della passione". 
I “giorni della sua carne” (cf. Eb 5,7) stanno senza eccezione sotto il segno grave e doloroso della croce: “Tutta la vita di Cristo fu croce e martirio” (Imitazione di Cristo, l. II, cap. 12).

sabato 20 marzo 2021

PRIMA DOMENICA DEL TEMPO DI PASSIONE



Omelia dai Trattati di sant'Agostino sul vangelo di Giovanni.

In Jo tr. XLIII, 15-18. PL 35, 1711-1712. 1713.

Cristo Signore chiamò suo Padre colui che i giudei chiamavano loro Dio, però senza conoscerlo; se l'avessero conosciuto avrebbero accolto suo Figlio. Io invece lo conosco, dice il Signore. Ad essi che giudicavano secondo la carne, l'affermazione poté sembrare presuntuosa.

Guardate però che cosa segue: E se dicessi che non lo conosco, sarei come voi, un mentitore. Non deve succedere che, per evitare la taccia di presuntuosi, si abbandoni la verità.

Ma lo conosco e osservo la sua parola. In quanto Figlio, egli proferiva la parola del Padre: ed egli stesso era il Verbo del Padre che parlava agli uomini.

Abramo, vostro padre, esultò nella speranza di vedere il mio giorno; lo vide e se ne rallegrò. Magnifica testimonianza resa ad Abramo dal discendente di Abramo, dal Creatore di Abramo. Abramo esultò - egli dice - nella speranza di vedere il mio giorno. Non ebbe timore, ma esultò. Era in lui la carità che caccia via la paura. Non dice che esultò perché lo vide; ma che esultò nella speranza di vederlo. Credendo in lui, esultò nella speranza, in attesa di poterlo vedere con la mente.

Lo vide. Cosa poteva o cosa doveva dire di più il Signore Gesù? Lo vide e se ne rallegrò. Chi potrà esprimere questo gaudio, fratelli miei? Se tanto gioirono coloro ai quali il Signore aprì gli occhi del corpo, quale fu il gaudio di chi poté vedere con gli occhi del cuore, la luce ineffabile, il Verbo che permane? Egli è lo splendore che rifulge nelle anime dei fedeli, la sapienza indefettibile, colui che come Dio dimora presso il Padre e che, senza abbandonare il seno del Padre, sarebbe venuto un giorno nella carne. Tutto questo vide Abramo.

I commenti contenenti linguaggio sgradito, insulti , con contenuti a sfondo razzista , sessista ed intolleranti saranno cestinati dall'amministratore del blog che si riserva il diritto di scegliere quali commenti possono essere pubblicati.

Questo sito internet è un blog personale e non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001


Realizzazione siti web - www.webrex2000.com